Tutto sul Cheratocono: guida completa per capire, prevenire e curare

Il cheratocono è una patologia degenerativa della cornea, la struttura trasparente che ricopre la parte anteriore dell’occhio. In condizioni normali, la cornea ha una forma simile a quella di una cupola, contribuendo in maniera fondamentale alla messa a fuoco e alla nitidezza della vista.

Nel cheratocono, la cornea si assottiglia e si deforma progressivamente, assumendo una forma a cono. Questa alterazione causa astigmatismo irregolare e distorsione delle immagini, con un conseguente calo della vista che può essere significativo.

Sintomi del cheratocono:

  • Visione offuscata e distorta, sia da vicino che da lontano
  • Astigmatismo irregolare
  • Aumento della sensibilità alla luce
  • Visione notturna scadente
  • Aloni e distorsioni luminose
  • Affaticamento oculare
  • Stropicciamento frequente degli occhi

cheratocono

Fattori di rischio

  • Predisposizione genetica: il cheratocono tende a manifestarsi più frequentemente in persone con familiari affetti dalla patologia.
  • Sfregamento frequente degli occhi: strofinare gli occhi in modo energico può accelerare l’assottigliamento della cornea.
  • Allergie oculari: chi soffre di allergie croniche agli occhi è più predisposto al suo sviluppo.
  • Sindrome di Down: le persone con sindrome di Down hanno un rischio maggiore di svilupparlo.
  • Uso prolungato di farmaci cortisonici: l’utilizzo prolungato di corticosteroidi, sia topici che sistemici, può aumentare il rischio di cheratocono.

Diagnosi

La diagnosi del cheratocono avviene tramite un esame oculistico completo eseguito da un oculista esperto. L’esame comprende:

  • Topografia corneale: permette di valutare la forma e lo spessore della cornea in dettaglio.
  • Rifrattometria: misura l’indice di rifrazione della cornea e determina la presenza di astigmatismo.
  • Esame con lampada a fessura: consente di osservare la cornea e rilevare eventuali anomalie.

Trattamento e cura del cheratocono:

Il trattamento del cheratocono dipende dalla gravità della patologia. Nelle fasi iniziali, può essere sufficiente utilizzare occhiali o lenti a contatto specifiche per correggere l’astigmatismo irregolare e migliorare la vista.

Nelle fasi più avanzate, quando gli occhiali e le lenti a contatto non sono più sufficienti, si può ricorrere a interventi chirurgici come:

  • Cross-linking corneale: rinforza la cornea mediante l’utilizzo di raggi ultravioletti e riboflavina (vitamina B2).
  • Impianto di anelli intra corneali: sottili anelli vengono inseriti all’interno della cornea per modificarne la curvatura.
  • Cheratoplastica refrattiva: intervento chirurgico che consiste nel rimodellare la cornea mediante l’asportazione di tessuto corneale.

Nuove Frontiere nel Trattamento del Cheratocono

È importante sottolineare che, oltre ai trattamenti tradizionali, la ricerca scientifica sta esplorando nuove frontiere per il trattamento del cheratocono.

Tra queste, l’uso di tecnologie avanzate come la tomografia a coerenza ottica (OCT) per una diagnosi ancora più precisa e il ricorso a terapie genetiche e cellulari che potrebbero in futuro offrire soluzioni innovative per la rigenerazione della cornea danneggiata.

Inoltre, i pazienti possono beneficiare di programmi di monitoraggio personalizzati che consentono di seguire l’evoluzione della patologia nel tempo e adattare tempestivamente il trattamento.

Questi approcci integrati rappresentano un passo avanti significativo nella gestione del cheratocono, migliorando non solo la qualità della visione ma anche la qualità della vita dei pazienti.

cheratocono

Prevenzione

Non esiste un metodo definitivo per prevenire il cheratocono, tuttavia è possibile ridurre il rischio di svilupparlo seguendo alcuni consigli:

  • Evitare lo sfregamento frequente degli occhi: in caso di prurito o irritazione, utilizzare lacrime artificiali.
  • Effettuare regolari visite oculistiche: soprattutto se si ha una familiarità con il cheratocono o se si presentano i fattori di rischio.
  • Curare le allergie oculari: seguire le terapie prescritte dal medico oculista.
  • Evitare l’esposizione prolungata ai raggi UV: utilizzare sempre occhiali da sole con lenti UV-block.

Studio Ottico Microlens: la tua visione al centro

Presso lo Studio Ottico Microlens, vantiamo una pluriennale esperienza nella diagnosi e nel trattamento del cheratocono.

I nostri ottici specializzati sono a tua disposizione per fornirti una consulenza completa e personalizzata, aiutandoti a scegliere la soluzione migliore per correggere la tua vista e migliorare la qualità della tua vita.

Contattaci per un appuntamento e scopri come possiamo aiutarti a prenderti cura della tua vista.

Condividi:

Giulia Loiacono

Giulia Loiacono

Autore